Biografia dell'artista

Jeffrey Gibson è un artista interdisciplinare con sede a Hudson, New York. Le sue opere fanno riferimento a varie storie estetiche e materiali radicate nelle culture indigene delle Americhe e nelle sottoculture moderne e contemporanee. Gibson ha ricevuto una sovvenzione "Genius" della MacArthur Foundation nel 2019.

Le precedenti mostre di Gibson includono, Jeffrey Gibson, "LIKE A HAMMER", organizzata dal Denver Art Museum, e "This Is The Day", organizzato da Il Museo Wellin. Altre importanti mostre personali includono: "The Anthropophagic Effect" (2019) Il nuovo museo, New York; 'Guarda quanto siamo arrivati!' (2017), Museo d'arte Haggerty, Milwaukee; "Jeffrey Gibson: parlami" (2017), Centro di arti contemporanee dell'Oklahoma, Oklahoma City; e "Una specie di confessione" (2016), Museo del Savannah College of Art and Design, Savana.

Opere

"Perché una volta che entri in casa mia, diventa casa nostra", 2020Compensato, poster, acciaio, LED e spettacoli44 × 44 × 21 piedi

Crediti fotografici – #1, 3, 5, 7 e 8 Immagini di installazione di KMDeco Soluzioni creative: Mark DiConzo; #2 Immagine di Scott Lynch della performance di Emily Johnson; #4 Immagine dell'installazione di Sara Morgan; #6 Immagine di Cut/Cut/Cut: Chelsea Knight e Iztiar Barrio della performance di Laura Ortman

Chi siamo

"Perché una volta che entri nella mia casa diventa la nostra casa" di Jeffrey Gibson, è un omaggio all'ingegnosità dei popoli e delle culture indigene nordamericane, all'architettura precolombiana del Mississippi e all'estetica bizzarra del campo. Gibson ha progettato la struttura a più livelli per fare riferimento all'architettura di terra dell'antica metropoli di Cahokia, che era la più grande città del popolo indigeno del Mississippiano nordamericano al suo apice nel tredicesimo secolo. Il tumulo di terra dello ziggurat precolombiano è rappresentato nel monumento a più livelli di Gibson con una struttura in compensato ornato da una superficie vibrante di poster incollati con grano. I poster integrano disegni geometrici ispirati al Serpent Mound situato in Ohio, un altro monumento della Mississippi Valley, insieme a testi che fungono da slogan attivisti. Gibson ha anche curato una serie di performance a guida indigena per attivare la struttura nel corso del 'MONUMENTI ORA' esposizione.

Programmazione

Gibson ha invitato tre creativi indigeni: Laura Ortman, Emily Johnsone Corvo Ciaccone – per attivare 'Perché una volta che entri nella mia casa diventa la nostra casa', con una serie di spettacoli pubblicati nell'ambito di un serie di proiezioni nel corso del 'MONUMENTI ORA' esposizione.

In conversazione: l'artista Jeffrey Gibson e il curatore di Socrates Jess Wilcox–>

Riconoscimento collettivo della terra di parentela indigena–>

Anteprima del documentario sulla performance di Laura Ortman–>

Anteprima del documentario sulla performance di Emily Johnson–>

In conversazione: Jeffrey Gibson, Laura Ortman, Emily Johnson e Raven Chacon–>

Stampa

The New Yorker

Jeffrey Gibson e il suo progetto al Park sono stati fotografati da Steven M. Contreras per il numero del 27 luglio di The New Yorker magazine. Vedi immagine–>

Rivista artistica

Karen Rosenberg ha intervistato Jeffrey Gibson per Artful Magazine. Pubblicato il 6 luglio 2020.

[Estratto]

Karen Rosenberg: La domanda su cosa fare di alcuni dei nostri monumenti è molto presente nelle notizie in questo momento. Ma anche questo è un problema che ci affligge da un po', e spettacoli come quello di Socrates richiedono molta pianificazione. Come e quando hai ideato il tuo monumento e come si è evoluto?

Jeffrey Gibson: È stato circa un anno fa quando il curatore della mostra, Jess Wilcox, mi ha invitato a realizzare il progetto. Quando c'è stato un movimento nazionale per abbattere i monumenti, eravamo già a buon punto nei piani confermati per il mio pezzo. Era da tempo che avevo in mente di lavorare con l'architettura di un tumulo culturale del Mississippe. All'inizio c'era anche l'idea di attivare in qualche modo la struttura con delle performance.

KR: Quali sono state alcune delle tue fonti di ispirazione formali e storiche? Hai fatto riferimento ai cumuli di terra dell'antica città di Cahokia, nell'attuale Illinois, e alla ziggurat precolombiana.

JG: Poco più che ventenne ho lavorato nel dipartimento di antropologia del Field Museum, mentre andavo all'Art Institute di Chicago. Lì ho imparato molto su tribù e culture oltre la mia. Ma quando mi sono imbattuto nei lavori di sterro della cultura mississippeana, sono rimasto scioccato dal fatto di non esserne a conoscenza. La mia tribù, i Mississippi Choctaw, è una delle tribù emerse dalla cultura mississippea. La storia popolare non riconosce nemmeno la cultura mississippea: avanza l'idea che non ci sia stata una civiltà completamente realizzata prima del contatto, quando in realtà i reperti culturali mississippei sono la prova che ce n'era una. Ci sono prove di governo, di cultura civica. Quindi, quando mi è stato chiesto di fare questo progetto, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata quella struttura a tumulo.

Leggi l'articolo completo in Rivista Artful–>

Assistenza

 

'MONUMENTI ORA'

PARTE I: Jeffrey Gibson, Paul Ramirez Jonas, Xaviera Simmons
SECONDA PARTE: 'Chiamata e risposta'
PARTE III: 'La prossima generazione'
+ Il cartellone di Broadway & "Parliamo"