Opere

'Senza titolo', Dimensioni variabili

Il paesaggio sonoro di Martin Roth installato in vari punti del parco chiede ai visitatori di riconsiderare i presunti binari di uomo/animale, artificiale/naturale e natura/cultura. L'audio composto riproduce i richiami di animali, canti di uccelli, gracidi di rane e cinguettii di grilli, tra gli altri, imitando i suoni di invenzioni umane come l'iPhone, i condizionatori d'aria, i clacson e gli allarmi delle auto. Emanato dagli alberi all'interno di questo parco urbano sul lungomare, l'opera produce un'impressione inquietante del futuro paesaggio del mondo.

Fotografia di Scott Lynch

Guida audio

 

<PRECEDENTE | AVANTI>

Esposizione

5 ottobre 2019 – 17 maggio 2020 L'annuale Socrate 2019