Biografia dell'artista

Il lavoro di Patrick Costello abbraccia le discipline del disegno, della scultura, del giardinaggio e del teatro. Collabora con altri artisti, partecipanti e spettatori per creare spazi per la trasformazione collettiva, l'immaginazione selvaggia e la possibilità utopica.

Il lavoro di Costello è stato esposto al Museum of Contemporary Art di Detroit, oltre che in spazi indipendenti e alternativi a livello nazionale e internazionale. Si è esibito in luoghi tra cui Ars Nova (New York), Eugene O'Neill Theatre Center (Waterford), Philadelphia Museum of Art (Philadelphia), Space Gallery (Portland) e Ohranimo Tovarno Rog (Lubiana). Patrick ha tenuto residenze con New City Arts (Charlottesville), ACRE (Chicago) e HewnOaks Artist Colony (Lovell).

Costello ha completato il suo MFA in Combined Media presso l'Hunter College nel 2018. Vive e lavora in una casa collettiva di sette persone a Brooklyn, dove mantiene un piccolo prato di fiori selvatici sul tetto.

patrickjcostello.net

*Costello è stato nominato Devra Freelander Artist Fellow 2020 in memoria di Devra Freelander, che ha partecipato all'annuale Socrates 2017. Dona al Devra Freelander Fund>

Opere

'Ceding Ground', 2020piante autoctone; pacciame di foglie; e suolo24.5 × 28 piedi
Immagini di Patrick Costello e Ben Simon; James Chrzan; e Sara Morgan

A proposito di 'Ceding Ground'

Un centro vuoto offre spazio per la contemplazione del rapporto della storia con i conflitti attuali in questo giardino, che è reso per corrispondere alle dimensioni delle piantagioni decorative che circondano il monumento a Robert E. Lee a Charlottesville, VA, il luogo del famigerato violento raduno Unite the Right nel 2017. Costello sostituisce siepi basse in stile classico, bossi inglesi, agrifogli e peonie giapponesi - tutti associati all'economia coloniale alimentata dalla schiavitù degli Stati Uniti - con specie vegetali originarie della regione che circonda Socrate per secoli prima della colonizzazione europea.

Grazie: Ben Simon, Evelyn Manlove, Pawel Pieluszynski e Glover Perennials per i loro contributi a questo progetto.

Guida audio

Clicca qui sotto per ascoltare l'artista parlare del proprio lavoro.

Trascrizione dell'audioguida

Ciao! Sono Patrick Costello, e sto parlando del mio lavoro, Ceding Ground. Nel 2017, i suprematisti bianchi sono scesi nella mia città natale di Charlottesville, in Virginia, incoraggiati dall'amministrazione presidenziale e irritati dalla proposta di rimuovere il monumento a Robert E. Lee della città. Hanno ucciso Heather Heyer, aggredito brutalmente DeAndre Harris e terrorizzato i manifestanti antirazzisti, inclusi molti dei miei cari. Gli eventi hanno acceso nuove conversazioni sui ruoli e sui significati dei monumenti confederati in tutto il paese. In risposta, la città di Charlottesville ha eretto una barricata di recinzione arancione per proteggere la statua e i giardini circostanti, garantendo la conservazione del sito mentre le battaglie legali ne determinano il destino. Il mio pezzo riecheggia e sostituisce le dimensioni del territorio recintato di Charlottesville nel tentativo di trasformare quello spazio conteso. Ho rimosso sia la recinzione perimetrale che la statua al centro, lasciando le aiuole che circondano un rettangolo di terra nuda non occupato. Rendere accessibile quel vuoto centrale invita gli spettatori a entrare e ripopolare la posizione della statua precedente, spostando la nostra prospettiva dallo sguardo su una figura di bronzo al guardare fuori, intorno e giù per terra. Curare questo giardino a New York City, mi fornisce una pratica fisica regolare che aiuta a conciliare la distanza spirituale tra il luogo da cui vengo e il luogo in cui risiedo attualmente. E poiché le massicce rivolte di quest'anno continuano a illustrare, le due città sono più simili di quanto smentiscano le loro posizioni relative. La supremazia bianca e i sistemi razzisti di polizia, carcerazione e alloggi continuano a devastare entrambi i luoghi e, in effetti, in tutto il paese. I monumenti rafforzano queste strutture di potere e sostengono anche molte convenzioni formali di lunga data, dalle loro sculture in bronzo ai paesaggi progettati che circondano i loro piedistalli. Seguendo l'esempio, il monumento a Lee di Charlottesville è fiancheggiato da giardini molto curati di bossi inglesi, agrifogli giapponesi e peonie, piante inizialmente trovate solo all'estero e introdotte in questo continente come risultato diretto delle economie coloniali. Interrompendo quel lignaggio, Ceding Ground fa riferimento alle ecologie storiche del suo sito specifico, traboccante di una collezione di flora che è cresciuta entro cento miglia da quello che oggi è il Socrates Sculpture Park per generazioni prima dell'arrivo iniziale dei miei antenati europei in questa terra. Queste specie vegetali ci ricordano un tempo prima che la supremazia bianca scolpisse la nostra coscienza collettiva e le nostre aspettative sullo spazio pubblico. Guardo a queste piante come parte della mia pratica di orticoltura ecologica e co-creazione di habitat, consentendo più respiro, proponendo un'alternativa alle figure in bronzo e alle recinzioni arancioni. Circondando uno spazio di assenza con queste comunità vegetali specifiche, sto deliberatamente facendo crollare queste ecologie nel tempo e nella geografia, nella speranza che ciò possa aiutare a rimodellare la nostra presenza all'interno di potenziali paesaggi a venire.

Programmazione

Costello ha partecipato a una serie di programmi virtuali prodotto dai Socrates Artist Fellows 2020:

In conversazione: Patrick Costello, Jenny Polak e Aya Rodriguez Izumi

Acquisizione di Instagram: Patrick Costello

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Socrates Sculpture Park (@socratespark)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Socrates Sculpture Park (@socratespark)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Socrates Sculpture Park (@socratespark)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Socrates Sculpture Park (@socratespark)

Esposizione

"Monumenti adesso"

PARTE I: Jeffrey Gibson, Paul Ramirez Jonas, Saveria Simmons
SECONDA PARTE: 'Chiamata e risposta'
PARTE III: 'La prossima generazione'
+ Il cartellone di Broadway & "Parliamo"

<PRECEDENTE | AVANTI>