Opere

Messe rannicchiate, 1989Quercia bianca, quercia rossa, acciaio, catrame, acqua12' × 10' × 10'
Baruchashem, 1989Legni duri assortiti14' × 32' di diametro

Non ho segreti. Il mio lavoro è attinto direttamente da esperienze e precetti spesso dolorosi, alcuni brutti, altri brutali che in qualche modo, una volta trasposti nella scultura, diventano speranzosi e invitanti invece che fatalistici. Per me, questo è il motivo per fare arte.

Di conseguenza, le mie sculture non sono oggetti, ma luoghi, luoghi in cui entrare. Si riferiscono alla terra, alcuni sembrano essere usciti dalla terra piuttosto che essere stati piantati lì. Spesso quest'opera viene definita primitiva, ma se primitivo significa attingere dalle proprie precezioni contemporanee e dalla memoria tribale, modellandole in scultura dalla materia prima con la propria mano, suppongo di essere primitivo.

Molte grazie a Mark ed Enrico per il loro vero supporto e assistenza, che mi hanno permesso di sviluppare il mio lavoro senza vincoli.

Su un terreno fertile, 1994Legno dipinto, rame10' × 3' × 6'

Su un terreno fertile è stato presentato il 23 maggio 1994 per l'inaugurazione del Socrates Sculpture Park nel sistema del Dipartimento di New York. Il tronco di legno utilizzato per realizzare questo pezzo proveniva da un cedro blu dell'Atlante. L'albero è stato regalato dall'imperatore del Giappone per l'Esposizione Universale del 1963. È stato ucciso durante il trapianto per fare spazio all'espansione del centro tennistico del Corona Park di Flushing Meadow.

L'immagine del serpente e dell'uovo è diventata un'immagine nella mia mente durante la conversazione telefonica quando mi è stato offerto questo pezzo di legno. È stato un piacere far parte di quella bella giornata di maggio, e ancora una volta un'altra scultura sorge su un terreno fertile. Grazie.

Fiere

9 ottobre 1994 - 5 aprile 1995 Internazionale 94
7 maggio 1989 - 11 marzo 1990 Città della scultura