Opere

Foto aerea della struttura PN15 di Hélio Oiticica nel parco Socrate. Struttura circolare a cupola bianca con finestra a rete e interni in legno, con prato verde e skyline della città sul retro
Progetti sotterranei Tropicália: PN15 1971 / 2022, 2022Struttura in legno e acciaio, rete metallica, tendaggi, piante e videoproiezioni Diametro: 40.35 piedi, Altezza: 9.84 piedi

Per gentile concessione della Tenuta di Hélio Oiticica e della Galleria Lisson
Immagini: KMDeco Creative Solutions, Nicholas Knight Studio, Katherine Abbott Photography

CHI SIAMO

Fotografia in bianco e nero del 1971 di Helio Oiticica appoggiato a un muro intonacato con poster nel Lower East Side di New York

Hélio Oiticica (1937 – 1980) è ampiamente considerato come uno dei principali artisti brasiliani del ventesimo secolo e una pietra miliare per gran parte dell'arte contemporanea realizzata dagli anni '1960, principalmente attraverso le sue opere d'arte a ruota libera e partecipativa, gli ambienti performativi, i film d'avanguardia e dipinti astratti. Anche prima dei 20 anni, Oiticica è stato un membro chiave dello storico Grupo Frente (1954-56) con sede a Rio de Janeiro, il suo gioco radicale con la forma geometrica e i colori vibranti trascendono le linee minimali del costruttivismo europeo e infondendo al suo lavoro un ritmo esuberante che risuonava con la musica e la poesia d'avanguardia del suo nativo Brasile. Alla fine degli anni '1950, Oiticica sarebbe diventata una figura di spicco del neo-concretismo brasiliano (1959-61) che includeva altri artisti rivoluzionari come Lygia Clark, Lygia Pape e il poeta Ferreira Gullar, dando infine origine al movimento artistico conosciuto come Tropicalismo, dal nome di un'opera di Oiticica del 1967. 

Oiticica divenne sempre più una figura controculturale e un eroe sotterraneo, mettendo in primo piano l'interazione corporea con le preoccupazioni spaziali e ambientali rispetto alla pura estetica. “L'arte ambientale”, ha scritto, “è il rovesciamento del concetto tradizionale di pittura-cornice e scultura, che appartiene al passato. Lascia il posto alla creazione di 'ambienti': da lì nasce quella che io chiamo 'anti-arte'", che poi ha definito "l'era della partecipazione popolare nel campo creativo". Questa pratica generosa e generativa sarebbe diventata molto influente per le successive generazioni di artisti, specialmente per la sua Parangoli o 'quadri abitabili' e serie onnicomprensive di installazioni, variamente note come Core (pannelli geometrici a soffitto che formano esperienze cromatiche graduali) e proposte or Penetrabili (ambienti architettonici labirintici fatti di sabbia e cabine semipermeabili). Questo approccio sovrasensoriale continuò fino alla sua prematura scomparsa nel 1980 all'età di 42 anni. 

L'opera di Oiticica è stata oggetto di importanti mostre museali recenti, tra cui l'acclamata retrospettiva Hélio Oiticica: Organizzare Delirium, che ha debuttato al Carnegie Museum of Art di Filadelfia nel 2016 e ha viaggiato all'Art Institute of Chicago e al Whitney Museum of American Art nel 2017. Hélio Oiticica: Il corpo del colore è stato esposto al Museum of Fine Arts, Houston nel 2006-2007 ea Londra alla Tate Modern nel 2007. Il suo lavoro è incluso nelle collezioni di numerose istituzioni internazionali tra cui il Carnegie Museum of Art, Pittsburgh, PA, USA; Inhotim Centro de Arte Contemporanea, Belo Horizonte, Brasile; Museo d'arte della contea di Los Angeles, Los Angeles, California, USA; Museo de Arte Reina Sofia, Madrid, Spagna; Museu de Arte Moderna, Rio de Janeiro, Brasile; Museo delle Belle Arti, Houston, TX, USA; Museum of Modern Art, New York, NY, USA; Tate Modern, Londra, Regno Unito; e Walker Art Center, Minneapolis, MN, USA, tra gli altri. Il Projeto Hélio Oiticica è stato fondato a Rio de Janeiro nel 1980 per gestire il patrimonio dell'artista.

Image credit: Hélio Oiticica davanti a un poster per lo spettacolo teatrale Prisoner of Second Avenue, a Midtown Manhattan, 1972, Facsimile di fotografia, © César e Claudio Oiticica, Rio de Janeiro