"Qualcosa sta arrivando", sussurra minacciosamente Dachal Choi mentre guarda verso l'East River da una panchina ai margini del Socrates Sculpture Park. Insieme al suo collaboratore Mathew Suen, Choi ha creato AQ625: Sito in movimento, ora in mostra come parte dell'annuale Emerging Artist Fellowship Exhibition del parco.

Il progetto, che incorpora elementi sia fisici che digitali, evoca un futuro distopico richiamando il linguaggio visivo utilizzato nelle locandine dei film che raffigurano scenari apocalittici. Choi spiega: "Il nostro progetto è iniziato con questa situazione ipotetica: e se invece di andare in un posto, il posto venisse da te?"

Nel futuro immaginato da Choi e Suen, il Socrates Sculpture Park - tutti e cinque gli acri del parco - si è staccato dalla terra, è lentamente fluttuato verso il cielo e si libra sopra la città, lasciandosi dietro un cratere di cinquanta piedi su ai margini di Long Island City. “Il parco diventa libero dalla gravità, ma i suoi elementi storici rimangono: la scultura di Mark di Suvero sul bordo, gli studi all'aperto e gli attuali cancelli sono ancora intatti.”

I visitatori del parco possono vedere l'aspetto fisico del progetto: un'immagine grande quanto un cartellone pubblicitario nel boschetto che ritrae questa migrazione inaspettata.

Choi e Suen sono interessati a come questo drammatico cambiamento nella fisicità trasformerebbe il parco e influenzerebbe il lavoro site-specific degli artisti. "Come si affronta la specificità del sito, se il sito è in continua evoluzione?" loro chiedono.

Non interessati a una sola risposta, Choi e Suen hanno cercato collaboratori per esplorare questa presunzione concettuale. I progetti dei loro co-creatori sono ospitati AQ625 piattaforma digitale-move.socratessculpturepark.org—che è un'estensione online del dialogo innescato dal loro cartellone pubblicitario in mostra nel parco. Artisti e architetti, tra cui Gustavo Gordillo, Gary Leggett, Henry Ng e Michael Sims, hanno contribuito a progetti digitali che offrono una miriade di interpretazioni di questo scenario futuristico.

"Anche se AQ625 è un evento ipotetico, le conversazioni che lo circondano sono reali. Per Choi e Suen, AQ625 è una logica estensione della più ampia narrativa di sviluppo e spostamento che sta interessando la vita creativa della città. Per loro e per gli artisti di tutta New York City, queste ipotesi potenzialmente assurde spesso diventano realtà sfortunate.

<PRECEDENTE | AVANTI>