“Cos'è lo spazio pubblico e chi lo controlla?” chiede l'artista EAF16 Lea Cetera.

Questa domanda sorge spesso nella pratica di Cetera, che mira a interrompere il comportamento delle persone e la risposta allo spazio pubblico. Per il suo progetto a Socrates, Cetera invoca il design, sperimentando "come il design può influenzare e informare il modo in cui ci muoviamo attraverso gli spazi pubblici". Il suo progetto, Design Within Reach, presenta tre sedie in acciaio dai colori vivaci basati su design di sedie iconiche. Vede le sedie nel contesto della sua esperienza di scenografia teatrale come oggetti destinati a influenzare il movimento e le interazioni di forma.

Il progetto di Cetera affronta anche l'accessibilità e, nello specifico, chi ha accesso al design: “per chi è e poi perché?” Realizzando i design della Sedia Wassily, della Sedia Barcelona e della Poltrona LC2 Petite Modele in acciaio e collocandoli in un parco pubblico, Cetera spera di attirare l'attenzione sulla loro storia irta: queste sedie erano tutte originariamente destinate a un vasto pubblico ma nel tempo evoluto negli articoli di lusso accessibili solo a pochi. "I designer possono iniziare con ideali utopici di progettare una sedia per un uso di massa, e poi in qualche modo si arriva al punto in cui puoi essere solo di un certo status sociale per sapere come ci si sente a sedersi su una sedia Eames o su una Breuer sedia", dice l'artista.

Nel suo processo artistico, Cetera dice che "non può fare qualcosa senza considerare l'ambiente e il modo in cui il pubblico lo utilizzerà". L'artista ha sviluppato questa iperconsapevolezza dello spazio attraverso il suo progetto del 2015, Sprawl, nell'ambito del programma New Commissions attraverso Art In General. In quel progetto, Cetera ha cercato di evidenziare i casi di voyeurismo accidentale che si verificano quando si vive in una città densamente popolata come New York. Attivando una vetrina al piano terra con spettacoli caratterizzati da un feed di sorveglianza dal vivo della strada esterna, Cetera è stata in grado - nelle sue parole di "replicare l'imbarazzo delle rapide invasioni della privacy che si verificano quando si guarda negli spazi privati ​​mentre camminiamo per strada .”

Da Sprawl a Socrate, Cetera vuole affrontare ulteriormente l'ambiente urbano ed esplorare il modo in cui comprendiamo e interagiamo con lo spazio pubblico. Considerando il livello di controllo dello spazio pubblico, l'artista considera un atto trasgressivo posizionare queste sedie e panchine all'interno del parco, soprattutto considerando il loro rapporto con la classe, il valore e il design. 

<PRECEDENTE | AVANTI>