4 settembre 2022 – 12 marzo 2023

L'annuale 2022: Affonda o nuota il futuro del clima
In vista settembre 2022 – marzo 2023

I borsisti dell'artista

Cheyenne Concezione
* 2022 New York Community Trust Van Lier Artist Fellow

Sean Desiree

Koyoltzintli

Randi Renate
* 2022 Devra Freelander Artista Fellow

Daniel Shieh
* 2022 New York Community Trust Van Lier Artist Fellow


In quanto parco pubblico e luogo all'aperto, Socrates è uno spazio artistico particolarmente in sintonia con gli effetti del cambiamento climatico. I candidati al Borsa di studio annuale Socrate 2022 e il programma della mostra sono stati incoraggiati a presentare proposte sulla base del prompt *Sink or Swim con l'obiettivo di presentare un'opera d'arte pubblica per una mostra collettiva dell'autunno 2022.

Quest'anno, Socrate chiede agli artisti di considerare le attuali condizioni ecologiche e le sfide che il nostro globo deve affrontare. Proprio questo agosto, il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha riferito che una temperatura globale di 1.5 gradi C entro i prossimi 20 anni è inevitabile, ma c'è una finestra di opportunità per un'azione globale per rallentare l'attuale tendenza al riscaldamento e la conseguente distruzione ambientale. Siamo subito al punto di svolta di una devastazione ecologica irreparabile e all'alba di una nuova era di politiche e tecnologie verdi. La riduzione delle emissioni future abbinata a tecnologie per l'assorbimento del carbonio [*estraendo CO2 dall'atmosfera e intrappolandola nella roccia o nell'acqua] può mitigare i fenomeni di riscaldamento. Oppure, l'aumento delle temperature potrebbe sciogliere ulteriormente i nostri ghiacciai, aumentando il livello degli oceani, lasciando le città costiere sott'acqua. In questo scenario, l'affondamento è preferibile al nuoto.

Sebbene sia un fenomeno globale, il cambiamento climatico non ha un impatto su tutti allo stesso modo. I costi sono sostenuti maggiormente dai gruppi svantaggiati con meno potere politico: quelli nei paesi in via di sviluppo, le donne, i giovani, gli anziani, le minoranze razziali ed etniche e quelli senza accesso al capitale. 

Come possiamo affrontare l'urgenza, l'enormità e le sfide del cambiamento climatico senza cadere nella malinconia o nella paralisi? In che modo le matrici di razza, genere e classe si intersecano in questo futuro verde? Cosa possiamo fare per mitigare l'eco-ansia che circonda queste molte richieste simultanee di cambiamento globale? Cosa possiamo imparare da comunità storicamente vulnerabili ma fiorenti che possono aiutarci a superare questa sfida?

CHI SIAMO

I Socrates Annual Artist Fellow 2022 sono stati selezionati tra oltre 350 candidati da una giuria curatoriale composta da membri dello staff di Socrates: curatore e direttore delle mostre Jess Wilcox, Direttore esecutivo Tamsin Dillon, Direttore dei programmi e del coinvolgimento Aya Rodriguez-Izumie Direttore di Studio & Fabrication Chris Zirbes – insieme a due consulenti curatoriali: Solana Chehtman, Direttore della Pratica Creativa e dell'Impatto Sociale presso lo Shed e Daisy Nam, Curatore presso Ballroom Marfa.

Ad ogni Artist Fellow viene assegnata una sovvenzione alla produzione di $ 8,000, un onorario di $ 2,000, tre mesi di accesso sette giorni su sette alle risorse e alle strutture di fabbricazione dello studio artistico all'aperto del Parco per realizzare il progetto proposto. Segui @socratespark per vedere i progetti dei Fellow in corso a Socrate quest'estate e restate sintonizzati per maggiori dettagli!

Assistenza

Il supporto principale per la borsa di studio e l'esposizione annuale di Socrates proviene dal New York Community Trust Van Lier Fellowships, dal Devra Freelander Artist Fund, dalla Jerome Foundation e dai fondi pubblici del National Endowment for the Arts. Ulteriore supporto è fornito da Bloomberg Philanthropies, Cowles Charitable Trust, Charina Foundation, Sidney E. Frank Foundation, Maxine e Stuart Frankel Foundation, Agnes Gund, Lambent Foundation, Ivana Mestrovic e Spacetime CC

La mostra è finanziata, in parte, da fondi pubblici del Dipartimento per gli affari culturali di New York in collaborazione con il Consiglio della città di New York e il Consiglio per le arti dello Stato di New York con il sostegno del Governatore Andrew M. Cuomo e della legislatura dello Stato di New York .