5 ottobre 2019 – 30 giugno 2020

Artista

Panoramica

Comunicato stampa–>

La commissione di Dread Scott per il cartellone pubblicitario di Broadway del Parco, "To the Avengers of the New World", è una premurosa provocazione a considerare l'impatto e l'eredità delle ribellioni dei popoli ridotti in schiavitù. Il lavoro è presentato nel contesto del 400 anni di disuguaglianza iniziativa educativa – che mira a coinvolgere le comunità nell'affrontare le disuguaglianze razziali storiche e contemporanee e nella lotta per un futuro più giusto per tutti.

Sabato 12 ottobre dalle 12 alle 3 si presenterà il Parco 400 anni di disuguaglianza: l'osservanza di un popolo per un futuro giusto – un evento pubblico gratuito in riconoscimento dell'anniversario dei primi africani venduti come schiavi sul suolo nordamericano nel 1619. Radicato in questo quadro storico e rafforzato dai temi del Broadway Billboard di Scott, artista di pratica sociale e membro del consiglio di Socrates, Shaun Leonardo, condurrà un dibattito orientato all'azione sul tema dell'uguaglianza.

Resa nettamente in bianco e nero, la composizione di Broadway Billboard di Scott presenta un elenco di nomi, ognuno dei quali termina con una e commerciale. Per lo spettatore medio, "Nat Turner" è probabilmente il nome più riconoscibile nell'elenco. Coloro che hanno familiarità con la sua storia possono stabilire il collegamento che gli altri individui nell'elenco erano leader di ribellioni di popoli ridotti in schiavitù. Tutti vissero nel XVIII e all'inizio del XIX secolo negli Stati Uniti o nei Caraibi.

La fiamma nell'angolo in basso a destra del cartellone suggerisce sia l'intensità che il potere delle battaglie di questi leader contro l'oppressione e ne commemora le storie. Nel complesso, il pezzo di Scott è esteticamente diretto, evitando la pedanteria e incoraggia una comprensione più profonda della storia relativa a queste figure.

La spinta della conoscenza storica come forma di auto-potenziamento è caratteristica della pratica di Scott. Ha notato che il suo stesso nome ricorda Dred Scott, un afroamericano ridotto in schiavitù che fece causa per la sua libertà ma perse la causa alla Corte Suprema nel 1857. La sentenza della Corte affermava che "[i neri] non avevano diritti che i bianchi l'uomo era tenuto a rispettare", e ha gettato le basi per argomenti altrettanto razzisti ¬che persistono ancora oggi. Il lavoro di Scott persegue forme radicali di giustizia sociale in questa eredità.

 

Scopri di più

Toussaint L'Ouverture

Toussaint L'Ouverture è stato un comandante militare e politico durante la rivoluzione haitiana. Nacque come schiavo a Saint-Domingue, l'attuale Haiti, che all'epoca era sotto il dominio coloniale francese, ma fu liberato qualche tempo prima dell'inizio della Rivoluzione. Si unì alla lotta durante la ribellione degli schiavi nel 1791 e divenne rapidamente un leader del movimento indipendentista. Le sue vittorie gli diedero effettivamente il controllo della colonia e nel 1801 dichiarò una nuova costituzione che abolì la schiavitù. L'anno successivo, le truppe di Napoleone lo catturarono e lo imprigionarono in Francia dove morì nel 1803.

Regina Nanny

Queen Nanny era un leader della fine del XVII e dell'inizio del XVIII secolo di un gruppo di schiavi fuggiti noti come Jamaican Maroons. La loro comunità è stata persino chiamata Nannytown dopo di lei. Si ritiene che sia nata in Ghana, la regina Nanny è stata ridotta in schiavitù in Giamaica prima di fuggire nelle terre selvagge con i suoi fratelli. La sua posizione di leader è stata rafforzata dal suo prestigio come autorità spirituale nella pratica religiosa di Obeah, un insieme di pratiche afro-caraibiche con influenze dell'Africa occidentale. Nel 17 morì in battaglia combattendo le repressive forze coloniali britanniche.

Nat Turner

Nat Turner è nato come schiavo in una piantagione della contea di Southampton, in Virginia. Introdotto agli insegnamenti religiosi, divenne un predicatore appassionato, con credenze spirituali che guidavano le sue azioni di autoemancipazione. Ha guidato la ribellione degli schiavi più ben pubblicizzata negli Stati Uniti nell'agosto del 1831, che ha provocato la morte di dozzine di proprietari di piantagioni. La rivolta si estese alle città vicine, reclutando dozzine di schiavi e liberando neri finché non si trovarono di fronte e fermati da una milizia di stato bianco di migliaia. Mentre Turner è stato in grado di nascondersi per diversi mesi, alla fine è stato scoperto, ritenuto colpevole di insurrezione e giustiziato.

Danimarca Vesey

Danimarca Vesey era un abile falegname autodidatta e leader dell'insurrezione. Nato nell'ex colonia danese di St. Thomas, fu reso schiavo per anni da un mercante marittimo prima di arrivare a Charleston, nella Carolina del Sud. Nel 1799 acquistò la sua libertà con il ricavato di una vincita alla lotteria di strada. Divenne co-fondatore e leader della Chiesa episcopale metodista africana, che servì da piattaforma per organizzare una ribellione di ex schiavi e neri liberi. Dopo che il piano è stato smascherato, Vesey è stato arrestato, accusato e giustiziato dallo stato.

Gabriele Prosser

Gabriel Prosser fu un leader nella rivolta degli schiavi di Richmond, Virginia del 1800, che si stima abbia coinvolto migliaia di schiavi e neri liberi insieme alla cooperazione di simpatici quaccheri, metodisti e francesi. Nato in schiavitù, Gabriel era comunque alfabetizzato e abile nel mestiere del fabbro. La rivolta è stata contrastata da un temporale e dalla scoperta del piano da parte dello stato. Gabriel è stato successivamente arrestato, processato e giustiziato insieme a dozzine di compatrioti.

Carlo Deslondes

Charles Deslondes fu un leader della rivolta della costa tedesca del 1811, la più grande ribellione di schiavi nella storia degli Stati Uniti. Nato in una piantagione nel Territorio di Orleans, Louisiana, ha lavorato come sorvegliante al momento della rivolta. Ha guidato schiavi e maroon in una rivolta contro i proprietari di piantagioni mentre marciavano verso New Orleans. Le milizie bianche hanno soppresso il movimento uccidendo, torturando e giustiziando i partecipanti come avvertimento per altri aspiranti leader.

Dread Scott ha tratto ispirazione dalla rivolta della costa tedesca per "Rievocazione della ribellione degli schiavi" – una performance che ha coinvolto 500 rievocatori neri in abiti d'epoca, che si è svolta a New Orleans dall'8 al 9 novembre 2019.

Documentation of Slave Rebellion Reenactment, una performance impegnata dalla comunità iniziata da Dread Scott. Esibizione dall'8 al 9 novembre 2019 nella periferia di New Orelans. Fotografato da Soul Brother.

SUPPORTO

La principale mostra e il supporto operativo del Socrates Sculpture Park sono generosamente forniti da sovvenzioni e contributi di Agnes Gund; Filantropia Bloomberg; Fondo di dotazione Charina; Cowles Charitable Trust; Marco di Suvero; la Fondazione Sidney E. Frank; la Fondazione Maxine e Stuart Frankel; Fondo Lambent Foundation della Fondazione Tides; Ivana Mestrovic; Nancy A. Nasher e David J. Haemisegger; Galleria Paula Cooper; Specialisti in piante; il Fondo dei fratelli Rockefeller; la Fondazione Thomas W. Smith; e contributi del nostro Consiglio di Amministrazione. Ulteriore supporto è fornito dal Consiglio per le arti dello Stato di New York, un'agenzia statale e dal Dipartimento per gli affari culturali di New York City, in collaborazione con il Consiglio comunale; così come i contributi di molte persone generose.